fbpx

Zanazzi jersey, maglia Zanazzi

Quattro anni dopo la fine della seconda guerra mondiale e dopo aver partecipato al Giro d’Italia della Rinascita i fratelli Renzo e Valeriano Zanazzi fondano la ASD Zanazzi Milano. Ed è un susseguirsi di inseguimenti, corse e vittorie.

Ho conosciuto il Renzo perchè non mancava mai alla PedalatAzzurra e nemmeno alla Milano che Pedala, di quelle organizzate dal Turbolento. Grazie all’amico Marco Pastonesi, spesso ho avuto il privilegio di pedalare insieme al Renzo sulle sue strade, quelle che ancora oggi mi piace frequentare tra Navigli, cascine e campagna.

Tanti sono i ricordi che ho del Renzo, dei suoi racconti ciclistici, in cascina dal Dagnoni a Pioltello (ai tempi in cui si baccagliava per il Vigo), o nella storica sede sociale nella cantina con bar di via Dezza. O alle cene organizzate da Cabrio, quella stramba officina di elettrauto in via Correggio, con scantinato culinario.

Dal suo ottantaquattresimo compleanno, insieme a Marco, si era presa l’abitudine di festeggiarlo, con una pedalata di gruppo tra piccole strade e vecchie cascine. Ritrovo alla chiesetta si San Cristoforo alle 8.30 puntuali. Perché per molto meno di un minuto si può perdere la gara… diceva il Renzo.

Se n’è andato a pedalare tra le nuvole.

Avremmo voluto arrivare a festeggiare i suoi 90 con una pedalata, ma non ci siamo riusciti. Poche settimane prima del novantesimo, se n’è andato a pedalare sopra le nuvole. Ma noi la pedalata l’abbiamo fatta lo stesso, dedicandogli un secondo giro tra i suoi amati Navigli. Così è nata la Strada Zitta “i novanta di Zanazzi”. 90 chilometri per 90 anni.

Questi sono solo alcuni dei nostri ricordi di Zanazzi.

Nel settantesimo anno dalla sua fondazione, la storica associazione ciclistica milanese ASD Zanazzi scegli di unirsi al Turbolento. Che di anni ne ha neanche 30, ma di cose, nel suo piccolo “ciclistico amatoriale milanese”, ne ha fatte.
L’unione è stata definita a dicembre 2019. La pandemia ci ha impedito, a primavera, di celebrare il Renzo, pedalando in gruppo, sul classicissimo Giro Zanazzi.
Ma non ci ha impedito di proporre, d’inverno, la maglia estiva. Se no che Turbolenti saremmo? Cosi per la serie REGALI A PEDALI eccoci con la nostra proposta regalo.

Il tuo acquisto tiene viva la storia ciclistica milanese

Proprio così, acquistando la maglia puoi contribuire a tenere vivo un pezzo di storia ciclistica milanese. La storia del ciclismo in stile Zanazzi. Onesto, sincero, forte e ricco di ironia sdrammatizzante. Quel ciclismo “gregario” come i sax che spingono a fondo, ciclisti gregari in fuga, celebrati nelle canzoni di Paolo Conte.

Zanazzi Milano ASD e Turbolento Thinkbike SSD si sono uniti. Così come già si erano uniti lo storico negozio Rossignoli e la bottega artigiana “del Filippo Zanazzi”. Ed ora tutti si sono uniti per quella maglia che, tra vintage e futuro, vuole soltanto essere un’ode al gregario.

Maglia Zanazzi: note tecniche

Maglia estiva, manica corta, zip intera YKK, 3 tasche posteriori, tessuto UltraLight FullMoon ad elevata traspirazione e rapida asciugatura, OEKO-TEX® garantisce l’assenza di sostanze nocive, bande riflettenti posteriori, elastico siliconato. Taglio manica al vivo con elastico da 45mm Sviluppata e prodotta da Nalini Cycling Clothing, in Italia.

In vendita presso Rossignoli Milano, corso Garibaldi 65. Prezzo euro 72 (euro 65 tesserati Turbolento Thinkbike). Spedizioni in tutta Italia al costo aggiuntivo di euro 9.

 

Share This