fbpx

Mortirolo da San Giacomo, Aprica, Trivigno

San Giacomo (SO) / impegnativo / 83 km / 1600 D+

B

DESCRIZIONE

Strada Zitta a cura di Guido Turbolento Basilisco
Ci sono almeno quattro strade che portano al Mortirolo-Passo della Foppa (1852 mt). La più famosa e blasonata è la salita da Mazzo di Valtellina con tanto di monumento a Pantani.

read more

Quella da Grosio è più umana e indicata se volete poi affrontare il Gavia (vedi la Strada zitta che parte da Cepina), quella da Monno sale dalla Val Camonica. La più bella dal punto di vista paesaggistico è però quella che sale dall’Aprica-Trivigno e che vi permette di calare il poker del passo.

b

PROFILO TECNICO

Si parte da San Giacomo di Teglio in Valtellina, un piccolo paesino tra Sondrio e Tirano. Da qui prendete la strada per Carona. La pendenza iniziale è brusca ma per fortuna, diversamente da quanto indicato in alcune mappe, sempre asfaltata.

read more

Sotto di voi la Valtellina si allontana. Non prendete il bivio per Carona ma proseguite per Monegatti. In discesa si oltrepassa un piccolo lago artificiale e quindi con un ultimo strappo si arriva alla statale per l’Aprica che si raggiunge rapidamente. E il caso di rifocillarsi in paese, perché poi di ristori se ne trovano assai pochi. Lasciata l’Aprica, subito a sinistra, prendete il bivio per Trivigno.

La salita è brusca ma la vista sull’ Adamello è imponente. Si attraversa la Riserva naturale dei piani di Gembro raggiungendo cosi la chiesetta dedicata a San Gaetano e le strutture della pista di fondo di Trivigno (1598 mt).  La salita poi continua, ma meno impegnativa. La strada costeggia il lato destro del monte Padrio e raggiunge il lago di Lagazzuolo e infine l’Alpe Troena a quasi 2000 mt. Da qui inizia un falsopiano con la montagna a destra e la valle a sinistra che vi farà arrivare in discesa sul Passo della Foppa- Mortirolo! Foto d’obbligo e quindi discesa fino a Mazzo. I freni devono essere in buone condizioni e i 33 tornanti insieme ai tratti al 18-20 % affrontati con rispetto. Se l’avete già fatta in salita, ne ricorderete ogni tornante. Altra sosta obbligata al monumento a Pantani: si dice che nel giro del 1994 fece la salita col rapporto del 22 per problemi al cambio! A fondovalle seguite i cartelli e la traccia che vi porteranno alla nuova ciclabile della Valtellina che (diversamente dalla traccia) non dovete abbandonare mai fino a chiudere il giro a San Giacomo. In alternativa seguite la traccia che con uno strappo finale un po’ gratuito vi porta a Tirano per un meritato ristoro in pasticceria.

EFFETTUA IL LOGIN PER OTTENERE LA TRACCIA

I percorsi sono in costante aggiornamento tuttavia, per le più recenti modifiche alla viabilità locale, alcune indicazioni potrebbero non corrispondere alla nuova viabilità.

SOSTIENI IL PROGETTO LE STRADE ZITTE

L’obiettivo è tutelare e valorizzare il paesaggio italiano. Se condividi la nostra visione, se scarichi le tracce dei percorsi proposti, se vuoi che Turbolento continui a creare nuove Strade Zitte per far conoscere l’Italia meno conosciuta, sostieni il nostro progetto con la tua donazione.

BUONE PEDALATE - ENJOY YOUR RIDE