fbpx

1 euroNel giorno in cui il Censis sintetizza il proprio rapporto annuale con “Risparmio, Rinuncio, Rinvio”, 3R per esprimere il crollo delle spese delle famiglie italiane, un manipolo di “ingordi, imbroglioni, irresponsabili” (3I) capitanato da un segretario di partito o movimento che dir si voglia, sale al Quirinale per ratificare la fine dell’ennesimo governo…in una situazione in cui tutto ci voleva, tranne la fine dell’ennesimo governo italiano (o no?).

Non si vuole esprimere un giudizio sul governo tecnico, non ne siamo all’altezza, non si vuole esprimere alcun giudizio su questo o quello, certo è che i fatti lasciano increduli e sbigottiti: uno dei maggiori partiti ha avuto (forse) l’occasione di rinnovarsi e allargare la base dei consensi e non lo ha voluto fare. La reazione a catena non si è fatta attendere, con un immediato ritorno della vecchia e becera politica con tutti i suoi attori, rinvigoriti e incoraggiati, non si sa bene da che cosa. E noi si torna, se si torna, a votare ancora con il vecchio sistema, nonostante tutti gli appelli del capo dello stato e le evidentemente false dichiarazioni di chi si è professato a lungo, a favore del cambiamento di una legge che non ci consente di scegliere.

Che dire? che fare? come si può smettere di finanziare questo sistema? possiamo ritardare il più possibile il pagamento delle tasse? o non pagarle del tutto? andare via da questo paese? passare alla rivoluzione vera? non comprare più benzina i cui incassi per oltre il 50% contribuiscono ad alimentare l’allegra e sconsiderata finanza statale? si accettano suggerimenti!

La soluzione non può essere in un comico che si improvvisa leader maximo, ma neanche nei soliti noti che vincono le primarie con trucchetti da “mafietta da ringhiera” (a Livorno 1000 richieste di voto, 1000 risposte negative….ma è solo una goccia), il centro è come l’isola che non c’è, i moderati sono come i bimbi sperduti, mancano Peter Pan e Wendi, ma in compenso ci sono un sacco di Capitan Uncino, Spugna e pirati di vario rango.

In quanto alla polvere di fata…quella che fa volare il veliero sulla giusta strada…..beh, quella, sta come al solito a noi trovarla… e l’Italia giocava alle carte, e parlava di calcio nei bar, e l’Italia rideva e scherzava…(G.Gaber, “la presa del potere”)

Share This